La Storia

Le origini

Le origini della Società Uriach risalgono –come quelle di tante aziende familiari create dall’incipiente borghesia industriale del XIX secolo – a un modesto impiego in un negozio.

Juan Uriach Feliu, appena bambino, arriva a Barcellona e inizia a lavorare in una drogheria situata al numero 6 del Paseo del Borne, proprietà di Rafael Vilaclara Euras. Figlio di un mugnaio, nasce  a Sant Andreu del Palomar –un antico paese del XVIII secolo situato a nord del centro storico della città- ed è costretto ad emigrare a Barcellona perché l’attività del mulino dava lavoro solo al padre e al fratello maggiore.

Chi l’avrebbe mai detto che, 175 anni e cinque generazioni dopo, saremo stati al cospetto di un laboratorio farmaceutico consolidato e leader a livello nazionale e internazionale.

Juan Uriach Feliu a capo del negozio.

Sono passati ventidue anni da quando è entrato come “tuttofare” nella drogheria di Vilaclara.

Durante questo tempo ha fatto tutta la trafila: apprendista, commesso e responsabile. Con una moderata stabilità economica, molto lavoro alle spalle ed esperienza sufficiente, acquista il negozio e comincia a gestirlo.

Si sposa con Josefina Uriach Vallés, da cui avrà undici figli, ma solo quattro dei quali arriveranno all’età adulta: tre maschi, Joaquín, Francisco e Trinidad, e una femmina, Carmen.

In Calle Montcada

La originaria drogheria di Plaza del Borne ormai è diventata piccola e l’azienda si trasferisce al numero venti di Calle Montcada.

Il nuovo edificio dispone di ampi depositi nella parte inferiore adibiti a magazzino e di un piano superiore, che la famiglia usa a fini abitativi. Non è un edificio qualsiasi, ma è nientemeno che il Palau Dalmases, uno degli splendidi palazzi che fiancheggiano una delle strade più importanti della Barcellona medievale.

Visione di futuro

Juan Uriach Feliu si associa con il Dottore in Farmacia Joaquín Alomar Font creando la società Alomar e Uriach, per la commercializzazione di farmaci.

La prosperità dell’attività fa riflettere Uriach sui grandi vantaggi che potrebbe dare la collaborazione con uno specialista, grazie al quale poter potenziare l’aspetto scientifico dell’attività. Giungono subito ad un accordo che li porta a costituire una società con preparati che coprono praticamente la totalità dello spettro farmacologico dell’epoca. Esportano anche prodotti nelle colonie, principalmente in Africa e America.

Incendio nel magazzino di Calle Montcada

Il Diario de Barcelona dell’11 ottobre di questo anno, nell’edizione serale pubblica una rassegna dei danni provocati dall’incendio scoppiato quella stessa mattina nei magazzini di Uriach: “La parte che dà su Calle de Moncada conserva ancora gli scaffali e il bancone tutto bruciacchiato; le parti interne sono completamente bruciate, anche i soffitti dei piani superiori; la merce del grande magazzino che dà su Calle de los Baños Viejos si è salvata, alcuni prodotti sono deteriorati, si è lavorato tutta la mattina per estrarre quelli meno …”

Nasce J. Uriach y Cía con grande prospettiva futura

Poco prima di stipulare il contratto della società Alomar y Uriach, muore Joaquín Alomar Font. Uriach, una volta espletate le pratiche legali (acquista la parte della vedova di Alomar), resta come unico proprietario e la società si estingue. Al suo posto ne crea un’altra: J. Uriach y Cía.

La nuova struttura societaria e il suo evidente boom spingono Uriach a dare indirizzi diversi all’istruzione dei suoi figli: Joaquín seguirà gli stessi passi del padre: lontano dagli studi superiori, dovrà lavorare duramente per farsi carico dell’azienda, iniziando come apprendista. Francisco e Trinidad diventeranno farmaceutici. In questo modo rafforza sia la gestione commerciale che la direzione tecnica dell’azienda.

Primo laboratorio

L’azienda fonda il suo primo laboratorio, situato in Calle del Baluarte numero 28 nella Barceloneta.

Il primogenito, Joaquín, prende la decisione di creare il laboratorio, decide il capitale iniziale e ne sceglie la posizione. Tuttavia, La Barceloneta presenta inconvenienti importanti, e decidono di trasferire il laboratorio a Sant Martí de Provençals, un paese vicino a quello di Sant Andreu del Palomar dove era nato il fondatore. Acquista un terreno di circa 5.000 metri quadrati, dove edifica lo stabilimento in Calle Degà Bahí.

Il laboratorio di Sant Martí de Provençals

Dovuto all’aumento della produzione e alla necessità di immagazzinare i prodotti stranieri che Uriach distribuisce in esclusiva.

Il laboratorio italiano Wasserman, una delle industrie più importanti dell’Europa dell’epoca, accetta la collaborazione di Uriach y Cía a condizione di disporre di impianti di stoccaggio propri. Oltre alla Wasserman, Uriach stringe accordi identici con Charles Chanteaud, Pagliano, Bishop, Falieres. Sono prodotti dell’epoca: Sedlitz Chanteaud, Ureol, Stenol, Natural Fruit Saline Bishop’s, Fosfatina e Tabletas Pagliano

Trasferimento della sede in Calle del Bruch

La prosperità commerciale consiglia un nuovo trasferimento. Ciò comporta abbandonare la Barcellona storica per quella moderna e prospera dell’Ensanche. Nuovamente, un luogo strategico e ben posizionato, in un edificio unico e di proprietà, con il magazzino più grande dell’Ensanche. Il piano terra viene adibito a uffici, magazzino, vendita al dettaglio e all’ingrosso, mentre i piani superiori ospitano le abitazioni unifamiliari in affitto che, con la continua crescita dell’azienda, presto vengono adibite a uffici. L’azienda ha già 60 dipendenti.

La Fosfatina

Uriach trova una serie di prodotti che consolidano definitivamente il suo prestigio e che, diventando popolari, rendendo famoso il marchio.

Di tutti questi, il re è la Fosfatina, la farina al cacao di brevetto francese prodotta nei laboratori di Sant Martí di Provençals, e cui processo è supervisionato da due tecnici francesi.

Si consolidano i contatti con l’azienda francese A. Bailly, e Uriach ne ottiene la rappresentanza in Spagna, con prodotti di punta come Pulmoserum e Opobyl, e avvia la produzione di Uraseptine, della marca francese Rogier, che fino ad allora era importata.

Trasformazione in Società per Azioni

L’azienda si trasforma in società per azioni, seguendo così la corrente commerciale più moderna.

Cambia denominazione a J. Uriach y Cía., S. A., con una durata indeterminata. Il Consiglio di Amministrazione della nuova società è composto da: Joaquín Uriach y Uriach, Presidente; Francisco Uriach Uriach, Trinidad Uriach Uriach e Juan Uriach Tey, consiglieri; Clemente Gracia Rovira, segretario.

Gli anni ‘30 sono contrassegnati dal lancio di prodotti popolari come Magnesia Bishop’s e il Sal de Frutas Bishop’s. In questo momento Uriach rappresenta già un centinaio di laboratori nazionali ed esteri e distribuisce più di mille prodotti.

In guerra

Il decreto di Collettivizzazione e di Controllo Operaio di Industria e Commercio, redatto dall’assessore Josep Tarradellas e promulgato dal Governo Catalano, confisca ad Uriach la proprietà dell’azienda.

La società diventa “Uriach Empresa Colectivizada”. Tuttavia, gli operai, nuovi proprietari, nominano direttore Juan Uriach Tey, in un generale riconoscimento della sua preparazione tecnica e commerciale.

Il personale viene ridotto del 50 percento. Quindi cala l’attività dell’azienda, anche per le sopraggiunte difficoltà di fornitura di energia e materie prime.

Nonostante ciò, l’attività commerciale di Uriach continua a svilupparsi, così come è documentato nella relazione del comparto farmaceutici ufficiali. Come curiosità, nel 1938 Uriach distribuì 7.500 Kg. di olio di fegato di merluzzo.

Un nuovo inizio

Finita la guerra, la famiglia Uriach rientra in possesso dell’impresa e riprende immediatamente la sua attività commerciale.

Juan Uriach Tey, torna a farsi carico della Società. Partendo da zero, rigenerando l’attività a partire dalla vendita di prodotti alimentari e spezie stoccate nei sotterranei dei magazzini della sede di Calle Bruch.

In tempi difficili, decisioni coraggiose. Uriach Tey comprende che il futuro è nei laboratori e con questo obiettivo dirige la sua lunga gestione e trasforma l’azienda fino a rendere la produzione propria il core business della Società.

Insieme a Juan Uriach Tey e ai suoi cugini, Josep Mª e Lluís Uriach Balarí, la terza generazione si incaricherà di potenziare la ricerca come asse di quella che sarà la futura industria farmaceutica. 

Una grande sfida

Fondazione di una nuova impresa, Instituto Farmacológico Experimental, S.A., con il marchio commerciale Biohorm.

Con questa soluzione rapida ed efficace, che neutralizza il caos economico regnante, si apre un orizzonte aziendale percorribile e di grande futuro per Uriach. Viene creato un centro di ricerca incorporando i metodi più avanzati del momento.

Biohorm ha bisogno di trovare prodotti propri che diventino farmaci di punta. L’anno 1945 vede il lancio del farmaco Nicohepatocyn (regolatore delle funzioni epatiche e lassativo), più tardi raggiungerà un grande prestigio il Biodigest (regolatore dell’apparato digerente infantile), Lipograsil (trattamento naturale dell’obesità), e la Biodramina (antinausea).

Quarta generazione

All’età di 24 anni, entra nella società Juan Uriach Marsal, che si era laureato in Farmacia nel 1953, con bacio accademico.

È di questo periodo l’avvento nell’azienda della quarta generazione e del primo dottore in Farmacia ad arrivare alla presidenza, Juan Uriach Marsal. La sua formazione scientifica segnerà tutto il suo percorso professionale. Grazie a lui, la vocazione alla ricerca si accentua ancora di più con la sintesi di nuove sostanze che supporrà la produzione di nuovi e migliori farmaci.

Nasce l’idea di creare una linea autonoma e autofinanziata di ricerca frutto del lavoro di squadra di farmaceutici, medici, chimici, biochimici e veterinari.

Un altro aspetto potenziato da Juan Uriach Marsal è l’espansione internazionale, con la costituzione della prima delegazione all’estero (Lisbona) e l’apertura di nuovi mercati in altri continenti.

Divisione Veterinaria

Biohorm inizia la produzione di specialità veterinarie.

All’inizio viene creata una linea farmacologica cui primi esponenti sono stati i nitrofurani per applicazione animale, seguiti da antibiotici, vaccini, disinfettanti, ecc., fino a completare un ampio vademecum e consolidando anno dopo anno la sua presenza sul mercato con nuovi lanci.

Costruzione di Degà Bahí

Ha inizio la costruzione dell’edificio della nuova sede centrale, su idea di Juan Uriach Marsal.

Sugli stessi terreni di Sant Martí de Provençals nei quali alla fine del secolo era sorto il piccolo laboratorio iniziale, e su progetto dell’architetto Manuel Ribas Piera, fu riconosciuta come una delle opere di spicco dell’architettura barcellonese degli anni ‘50.

La facciata principale dà su Calle Degà Bahí.

La ricerca

Si conclude la costruzione dell’edificio della nuova sede centrale, e viene creato il Dipartimento di Ricerca di Uriach.

La prima linea di lavoro è incentrata nel campo degli antidiabetici orali, ma da questo momento Uriach continuerà a investire nel Centro di Ricerca, con nuovi laboratori, strumentazione e, soprattutto, più ricercatori.

Il nuovo impianto chimico

In questa data viene costruito a Sant Fost de Campsentelles il centro per le materie prime su progetto del famoso architetto Ribas i Piera, lo stesso che aveva costruito l’edificio di Degà Bahí. L’impianto inizia ad essere operativo nel 1970.

Lo sviluppo dell’industria farmaceutica si basa anche sulla produzione di materie prime atte a garantire la fornitura e la qualità di sostanze destinate alla produzione. La Divisione di Chimica Fine del Gruppo Uriach, che successivamente passerà a chiamarsi Urquima, S. A., nasce con l’obiettivo di soddisfare il mercato globale dei prodotti generici. Praticamente il 100% del suo fatturato proviene dall’esportazione.

Sviluppa, sintetizza e produce industrialmente sostanze attive (API) che fornisce a produttori di generici. I prodotti sono selezionati pensando principalmente ai mercati degli Stati Uniti e dell’Europa e sono fabbricati seguendo rigorosamente gli standard GMP nello stabilimento di Sant Fost de Campsentelles, ispezionata e autorizzata dalla FDA.

In fase di sviluppo e commercializzazione dei prodotti, viene sempre tenuto conto dei brevetti originali e in alcuni casi sono sviluppati processi non infrattori che danno origine a brevetti propri.

Premio alla ricerca

J. Uriach y Cía ottiene il Premio Laude al laboratorio farmaceutico che realizza il lavoro di ricerca più interessante.

Il premio, che è conferito su votazione di tutto l’apparato  medico e farmaceutico, costituisce il riconoscimento pubblico dell’attività di ricerca di Uriach nel campo degli antidiabetici di sintesi, “Glisentida” (Staticum) e in quello dei corticoidi topici, “Flupamesona” (Flutenal).

Degli anni ’70 sono altre molecole frutto di ricerca propria, Bronquimucil (infezioni respiratorie), ed Eupen (amoxicilina).

Trasferimento definitivo a Dega Bahí

Negli anni ‘80 Uriach arriva a sviluppare una prestigiosa attività di ricerca e di alto livello tecnologico. Da notare in particolare l’apparizione di Disgrén, un nuovo farmaco, Triflusal, che è arrivato ad essere un antitrombotico di riferimento sul mercato degli anticoagulanti. Altre molecole originali del Centro di Ricerca di Uriach sono il Flutrimazol (antimicotico) e il Disdolén (nuova molecola analgesica).

150º Anniversario e Fundación Uriach 1838

In occasione dei suoi 150 anni di storia, la direzione ritiene che sia imprescindibile, per aumentare la portata delle attività scientifico-sociali nell’ambito della comunità, creare la “Fundación Uriach 1838”, con la missione di tutelare e diffondere il patrimonio culturale nazionale attraverso la collezione di opere d’arte (a livello familiare), così come per la promozione, la tutela e diffusione delle Scienze della Salute.

Pharmagenus

Grupo Uriach entra nell’attività dei farmaci generi creando l’azienda Pharmagenus. L’azienda sarà venduta successivamente alla multinazionale americana Amneal nell’anno 2014.

Trasferimento nella sede di Palau-solità i Plegamans

Il passaggio a un livello superiore di produzione, sviluppo, esportazione, ecc, avviene con il trasferimento degli uffici, laboratori, produzione e stoccaggio in un’unica sede centrale, ora situata a Palau Solità i Plegamans (eccetto il settore delle materie prime che continuerà negli stabilimenti di Urquima).

In questo modo, il passaggio del millennio e l’esistenza di un’unica sede comporteranno non solo il miglioramento degli impianti, ma anche una più facile comunicazione interna, ecc.

Commercializzazione della Rupatadina

Frutto di anni di ricerca, Grupo Uriach lancia sul mercato nazionale e internazionale un nuovo antistaminico di ultima generazione, con una presenza internazionale in più di 70 paesi in tutto il mondo.

Acquisto dei Laboratori Aquilea

Avviene il passaggio alla quinta generazione familiare formata da Juan, Marta, Javier, Enrique e Joaquín passando la Presidenza a Enrique Uriach Torelló.

Parallelamente Uriach acquista i Laboratori Diviser-Aquilea raddoppiando la sua attività di Consumer Health, che  diventa una linea con un fatturato di 17 milioni di euro.

Creazione di Palau Pharma

Azienda dedicata completamente alla scoperta e allo sviluppo di molecole per le patologie autoimmuni e infiammatorie. La sua apparizione corrisponde a uno spin-out del comparto R+S di Uriach, rappresentando una vera novità nel settore farmaceutico. Gli impianti sono inaugurati dal Principe delle Asturie.

Vifor Uriach Pharma

Alleanza strategica di Uriach con Galénica, da cui nasce la joint venture Vifor Uriach Pharma. Questa alleanza permetterà di ottimizzare la commercializzazione dei prodotti attuali e di preparare futuri lanci all’interno del mercato ospedaliero spagnolo, concentrandosi sulla commercializzazione delle terapie di sostituzione del ferro.

Nel 2012, la società svizzera Galénica acquisisce il 100% del capitale di Vifor Uriach Pharma.

Nuovo decennio

Dopo oltre 170 anni di gestione da parte della Famiglia Uriach, viene implementato un nuovo modello di gestione con l‘assunzione di un Consigliere Delegato esterno alla famiglia. A partire da questo cambio, la Famiglia Uriach assume un ruolo più strategico supervisionando le attività attraverso il Consiglio di Famiglia e il Consiglio di Amministrazione, presieduto da Joaquín Uriach Torelló.

Inoltre, Urquima firma un accordo di joint venture con l’azienda familiare di chimica fine denominata Sunlight Pharmaceutical. Questo accordo ha permesso di disporre di una piattaforma nel mercato asiatico per sviluppare più efficacemente l’attività di Chimica Fine.

175º anniversario e nuova fase

In piena trasformazione strategica e organizzativa, continua il consolidamento della quinta generazione a capo di Uriach. Durante questa transizione, vengono organizzate le celebrazioni per il 175º anniversario della fondazione del primo laboratorio spagnolo.

In questo momento viene avviato il nuovo Piano Strategico 2013-2017 che ha come principali obiettivi la crescita dell’attività e il consolidamento della trasformazione strategica degli ultimi anni.

Halibut e Innovage

Uriach formalizza l’acquisto del marchio di nutricosmetici Innovage dei Laboratori Phergal e l’acquisizione di Halibut, lo storico marchio di prodotti per le irritazioni della pelle.

Ha così inizio una nuova fase di crescita di Uriach, che darà luogo a nuovi importanti investimenti e acquisizioni per continuare a crescere e a consolidare l’espansione internazionale.

Nuovi orizzonti

In questo anno si raggiungono due traguardi importanti che segneranno i prossimi decenni di Uriach. Da una parte, viene acquista la farmaceutica italiana Laborest, un’azienda leader nel mercato dei food supplements e, inoltre inizia l’attività commerciale propria in Portogallo, con una piccola rete di delegati commerciali. E, dall’altra parte, Uriach acquisisce il marchio Fisiocrem, una crema naturale per i muscoli e i legamenti, con un forte potenziale di crescita.

Con il nuovo piano strategico avviato, e con buoni risultati, Uriach punta decisamente all’obiettivo di diventare una grande azienda di Consumer Health di riferimento in Europa, professionalizzata ma mantenendo lo spirito familiare proprio.

L’acquisizione di un’impresa estera suppone un grande salto nell’internazionalizzazione di Uriach e una trasformazione culturale e organizzativa che farà evolvere l’attività per continuare, passo dopo passo, con fermezza e decisione per molti anni ancora.

Italia

Sugli ottimi risultati ottenuti dall’acquisizione di Laborest Italia, si è deciso così di investire nuovamente su questo territorio.

Nel 2018 è avvenuta l’acquisizione di altre due importanti realtà italiane nell’ambito del food supplements: Ar Fitofarma e Progine Farmaceutici.

Si arriva così nel settembre 2019 quando le tre realtà Italiane; Laborest Italia, Ar Fitofarma e Progine Farmaceutici si fondono in un’unica realtà. Nasce Uriach Italy.

1838
1860
1870
1872
1889
1891
1898
1907
1918
1920
1925
1936
1939
1941
1954
1958
1959
1961
1968
1974
1982
1988
1997
2002
2003
2005
2006
2009
2010
2013
2014
2015
2019